Ciclismo, le linee guida del nuovo protocollo

I ciclisti lo aspettavano con ansia ed ora è stato messo nero su bianco. Il Centro Sportivo Italiano, in ottemperanza a quanto stabilito dall'Ufficio per lo Sport della Presidenza del Consiglio, ha predisposto un protocollo per la pratica dell'attività sportiva su due ruote.

 

Le linee guida emanate abbracciano ogni ambito dell'attività sportiva, già a partire dalla fase di iscrizione alle gare, che dovrà avvenire obbligatoriamente online. Gli organizzatori dovranno inoltre tenere conto dei distanziamenti sulle griglie di partenza. L'igienizzazione di tutto il materiale impiegato nella gara dovrà avvenire sia prima sia dopo la manifestazione e andrà designato un responsabile per il controllo anti-contagio, che verificherà le temperature controllando anche la relativa zona di isolamento e il rispetto delle regole. L'eventuale pubblico dovrà essere collocato in una zona dedicata all'arrivo. Gli spettatori dovranno essere muniti di autocertificazione, verrà loro misurata la temperatura e l'area dovrà essere delimitata dove ci sia uno spazio di almeno 4 metri quadrati a persona. Nelle gare Csi l'allestimento di tribune non sarà consentito.

 

I numeri degli atleti dovranno essere usa e getta, quindi al termine della gara andranno restituiti solamente i chip, depositati in un contenitore poi sigillato. La premiazione avverrà coinvolgendo esclusivamente gli aventi diritto su un podio distanziato, con premi posizionati anzitempo su un tavolo o sul podio stesso.

 

Il cuore degli eventi ciclistici sarà la cosiddetta zona gialla, dove potranno accedere operatori sportivi, staff organizzatore, giudici, cronometristi, direttori di corsa, addetti antidoping, autorità, medici, scorte tecniche, autisti, speaker e giornalisti. Ci sarà per tutti l'obbligo di indossare la mascherina e il distanziamento di un metro tra ogni persona.

 

Gli organizzatori saranno tenuti a compilare un elenco presenze con nome, cognome e recapito telefonico di ciascun partecipante all'evento, da conservare per almeno 15 giorni dopo la manifestazione. Andranno inoltre predisposti percorsi agevolati tramite segnaletica per evitare il rischio di assembramenti.

 

Il Csi auspica, ovviamente, la totale collaborazione da parte di tutte le società sportive che intenderanno organizzare eventi e l'attenta adesione alle norme da parte di tutti i partecipanti, dagli atleti al pubblico passando per tutte le figure coinvolte nella sede della corsa. Per approfondire le nuove linee guida del protocollo ciclistico è possibile consultare il vademecum completo pubblicato su csi.brescia.it.

 

 

Gallery

Documenti

Linee guida